Acido Folico in Gravidanza

L’acido folico è una sostanza amica della tua gravidanza! L’assunzione di vitamine prenatali in combinazione ai 400 microgrammi raccomandati di acido folico prima e durante la gravidanza può aiutare a prevenire i difetti di nascita del cervello e del midollo spinale del neonato. Assumerlo ogni giorno e continuare il trattamento fin dopo la gravidanza, aiuta anche a fortificare il tuo corpo.

Cos’è l’acido folico

L’acido folico o acido pteroil glutammico, vitamina B9, vitamina M o folacina è, quindi, una vitamina del gruppo B chiamata folato. Il folato svolge un ruolo importante nella produzione di globuli rossi e aiuta il tubo neurale del tuo bambino a svilupparsi nel suo cervello e nel midollo spinale. Le migliori fonti alimentari di acido folico sono i cereali fortificati e i folati si trovano naturalmente in verdure scure e agrumi.  L’acido folico non è biologicamente attivo, ma la sua importanza biologica è dovuta alla presenza di tetraidrofolato e ad altri derivati dopo la sua conversione in acido diidrofolico nel fegato.

Perchè è importante assumerlo in gravidanza e quali malattie previene

Senza abbastanza acido folico nel tuo corpo, il tubo neurale del tuo bambino potrebbe non chiudersi correttamente e potrebbe sviluppare problemi medici chiamati difetti del tubo neurale. Questi includono:

  • Spina bifida: sviluppo incompleto del midollo spinale o delle vertebre;
  • Anencefalia: sviluppo incompleto delle principali parti del cervello.

I neonati con anencefalia di solito non vivono a lungo e quelli con spina bifida possono essere permanentemente disabili. Questi sono problemi molto gravi, ma la buona notizia è che l’assunzione sufficiente di acido folico può proteggere il tuo bambino dai difetti del tubo neurale in almeno il 50% dei casi. Secondo studi medico scientifici, infatti, se hai già avuto un bambino con un difetto del tubo neurale, assumendo una quantità sufficiente di acido folico, questo può ridurre il rischio di avere un altro figlio con lo stesso difetto di ben il 70% delle probabilità. Se hai avuto un figlio precedente con un difetto del tubo neurale, quindi, il consiglio è quello di aumentare quotidianamente la quantità giornaliera di acido folico a 4000 mcg (uguale a 4 mg) ogni giorno e controllare con il proprio medico curante la giusta quantità d’assunzione.

Inoltre, l’assunzione di acido folico, prima e durante la gravidanza, può proteggere il tuo bambino da:

  • Labbro leporino;
  • Nascita prematura;
  • Scarso peso alla nascita;
  • Aborto Spontaneo;
  • Minore crescita nel grembo materno.

Ed ancora, l’acido folico è in grado anche di ridurre il rischio di:

  • Complicanze della gravidanza (uno studio ha rilevato che le donne che hanno assunto integratori di acido folico durante il secondo trimestre hanno avuto un rischio ridotto di preeclampsia);
  • Patologie cardiache;
  • Ictus;
  • Alcuni tipi di tumori;
  • Morbo di Alzheimer.

In quali alimenti si trova e come integrarlo con appositi integratori

Circa la metà di tutte le gravidanze non sono pianificate, quindi, l’assunzione di alcuni alimenti potrebbe integrare il fabbisogno quotidiano di acido folico, in modo che tutte le donne in età fertile ricevano la dose giornaliera raccomandata. I seguenti alimenti possono aiutare ad ottenere la quantità raccomandata di acido folico:

  • Verdure a foglia verde, come gli spinaci, broccoli, lattuga e tante altre;
  • Frutta, come agrumi, banane, meloni e tante altre;
  • Fagioli
  • Pane
  • Cereali
  • Riso
  • Pasta
  • Fegato di manzo.

Ovviamente, un integratore quotidiano contenente acido folico può essere prescritto dal proprio medico curante poiché i cibi sopra elencati potrebbero non contenere acido folico sufficiente per soddisfare il proprio fabbisogno quotidiano.

Gli integratori di acido folico vengono utilizzati per prevenire una carenza di questa vitamina, le cui complicanze possono produrre anemia e incapacità dell’intestino di assorbire correttamente le sostanze nutritive. Questi integratori, inoltre, sono utilizzati anche per altri disturbi associati ad una carenza di acido folico, come la colite ulcerosa, l’alcolismo, la malattia epatica e la dialisi renale.

Come e quanto prenderne

I difetti della nascita, generalmente, si verificano entro le prime 3-4 settimane di gravidanza. Quindi è importante assumere acido folico già durante le prime fasi in cui il cervello e il midollo spinale del tuo bambino si stanno sviluppando. Uno studio ha dimostrato che le donne che hanno assunto acido folico da almeno un anno prima di concepire, hanno ridotto le possibilità di avere un parto prematuro del 50%. Regolarmente, bisogna iniziare ad assumere l’acido folico ogni giorno almeno un mese prima di concepire e ogni giorno durante la gravidanza. Tuttavia, si raccomanda inoltre che tutte le donne in età fertile assumano l’acido folico ogni giorno.

La dose raccomandata per tutte le donne in età fertile e in stato di gravidanza è di 400 mcg di acido folico al giorno. E’ possibile, inoltre, assumerlo sottoforma di multivitaminico, ma ricorda di controllare se contiene la quantità raccomandata di folati.

Generalmente, la razione di acido folico cambia in base ai vari stati della gravidanza:

  • Mentre stai cercando di concepire: 400 mcg;
  • Per i primi tre mesi di gravidanza: 400 mcg;
  • Dal quarto al nono mese di gravidanza: 600 mcg;
  • Durante l’allattamento: 500 mcg.

Oltre la raccomandazioni generali ogni situazione specifica va valutata caso per caso quindi appena scopri di essere incinta consultati subito con il tuo medico su come e quanto acido folico devi integrare.


Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.