Caffè in Gravidanza: Consigli, Rischi, Consumo e Accorgimenti per le Donne in Gravidanza

L’alimentazione è uno dei fattori che influenza il tuo corpo, sia in maniera diretta che indiretta. Assumere le giuste sostanze non solo migliora la qualità della vita giornaliera, ma ti rafforza potenziando le difese immunitarie, rendendoti più energica e pronta ad affrontare ogni realtà. Nella gravidanza l’alimentazione è uno degli elementi che può incide in maniera molto importante sullo sviluppo del feto. Per questo negli ultimi tempi si pone moltissima attenzione all’assunzione di determinate sostanze, come per esempio il caffè in gravidanza. Quali sono i rischi del consumo di caffeina? Di seguito andremo ad analizzare gli effetti del caffè nella gravidanza, esponendo alcuni consigli e accorgimenti che puoi utilizzare al fine di non rinunciare a questa bevanda.

Il caffè e la gravidanza, i consigli per un assunzione corretta

Per poter comprendere in maniera completa perché si pone così tanta attenzione sugli effetti della caffeina in gravidanza, sono importanti alcune precisazioni. Sul sito del Ministero della salute, puoi trovare una semplice scheda nel quale si specifica come tra le sostanze non consigliate durante la gravidanza ci sia il caffè. Essa è composta da un alcaloide naturale che ha effetti nervini, intervenendo in maniera diretta nel sistema nervoso. Iniziare una giornata senza la tua tazza di caffè può essere un’impresa ardua. I problemi no riguardano la sostanza in se e per se, ma sulla quantità di milligrammi che vengono immessi nel tuo corpo. È importante considerare che in una tazzina di caffè sono contenuti circa 100-150mg di caffeina. Il consiglio principale è di non privarsi del tutto di questa sostanza, ma di assumerla in dose giuste che vengono calcolate in base al peso corporeo. In ogni caso non bisognerebbe mai superare le 2-3 tazzine al giorno.


Stitichezza in Gravidanza: Rimedi, Cosa Fare e Cosa Prendere

La gravidanza è un periodo particolare per una donna. Bellissimo e pesante al tempo stesso, non sono pochi i fastidi che bisogna sopportare: ipersensibilità della pelle, aumento della pressione sanguigna, disturbi di stomaco, le famose nausee mattutine … e non ultima anche una forma di stitichezza che è tipica del periodo e legata alla trasformazione fisica che avviene nel corpo della donna.

Perché compare la stitichezza in gravidanza

Molte donne lo sanno già, quando si aspetta il ciclo e si è in piena tempesta ormonale la stitichezza non è rara. In gravidanza è ancora più comune per via dell’azione del progesterone che serve a regolare le contrazioni dell’utero, così da mantenerlo resistente per trattenere il feto. Il problema è che regolando le contrazioni dell’utero si regolano anche quelle dell’intestino che rallenta di conseguenza il proprio “lavoro” di espulsione delle feci. Da cui l’indurimento e la stitichezza. Anche l’aumento della pancia, con l’utero che scende verso il basso, schiaccia l’intestino rendendo complicata l’espulsione delle feci. Se a ciò si unisce anche la continua necessità di urinare, espellendo quindi altri liquidi, si comprende come mai insorga il problema.


Preeclampsia in Gravidanza: Sintomi, Cause e Come Prevenirla

Se un edema è già qualcosa di grave e l’ipertensione è preoccupante … immaginate cosa significa se si verificano contemporaneamente. E se ad essi si aggiunge l’eccesso di proteine nell’urina, la proteinuria, si innesca una bomba che può essere mortale. La comparsa di tutti e tre i problemi può verificarsi nelle donne incinte e in quel caso è un pericolo che si chiama gestosi, o PREECLAMPSIA. La preeclampsia di per sé non è mortale, ma può facilmente degenerare in qualcosa di più grave che non di rado porta alla morte della madre, del bambino oppure di entrambi. Fortunatamente è abbastanza rara (riguarda circa l’8% delle donne incinte) ma quando si manifesta va contrastata immediatamente.

Perché compare

La brutta notizia è che ancora oggi non si sa perché in alcune donne si scateni la preeclampsia. La notizia buona è che il fenomeno si studia dal 1972 e da allora si sono fatti alcuni passi avanti importanti per lo meno per prevenirla. Si è capito che la preeclampsia si manifesta facilmente nelle donne che hanno già problemi renali pregressi, ipertensione pregressa, che sono predisposte al diabete o diabetiche, che aumentano troppo di peso. Si è anche visto che le alterazioni della placenta possono causare la preeclampsia. Data la varietà di cause e la difficoltà a distinguere queste stesse da altri problemi, più banali, tipici della gravidanza la preeclampsia non sempre viene riconosciuta per tempo.

Labbro Leporino: Cos’è, Cause, come Prevenirlo e Rimedi Chirurgici

Si chiama labbro leporino perché ricorda quello della lepre, tagliato nel mezzo e arricciato verso l’alto. Ma purtroppo è un problema dell’essere umano che, con un difetto estetico come questo, somiglia di fatto a una lepre e ciò lo rende brutto a vedersi. Fino alla metà del secolo scorso non si interveniva su difetti come questo, anti estetici sì ma non mortali, ma oggi si possono correggere ed è una fortuna soprattutto per i bambini che non saranno costretti a crescere tra sguardi compassionevoli e sorpresi!

Il nome scientifico del labbro leporino è Cheiloschisi ed è un difetto estetico che colpisce la parte esterna della bocca, e dunque il labbro (di norma il labbro superiore), ma che può comprendere anche le strutture interne del palato, delle gengive e in certi casi della gola. Ciò rende impossibile mangiare o deglutire ed è un rischio per la salute, oltre che un problema di aspetto fisico. Di solito la Cheiloschisi si presenta in una delle sue forme, ma alcune volte possono essere presenti tutte insieme (labbro, gengiva, palato e gola) e in quel caso occorre intervenire in fretta.

Come Rimanere Incinta: Consigli e Suggerimenti

Per alcune donne è un richiamo del tutto naturale, il famoso “orologio biologico”, per altre un’ossessione, una voglia che non trova soluzione se non nel pianto di un bebé. Per altre un sogno che sembra svanire e non doversi realizzare mai. Rimanere incinta è facile, o almeno lo sembra. Penserete che basta divertirsi un po’ sotto le lenzuola ed è fatta, ma non per tutti è così. E il problema non è solo femminile, dato che oggi si fanno sempre meno figli anche per problemi fisici. Le donne però ne soffrono più degli uomini.

Perineo Femminile: Massaggi ed Esercizi in Gravidanza

Perineo:con questo nome si indica, sia nell’uomo che nella donna, il fascio muscolare che regola la zona genitale. Sono muscoli molto importanti perché gestiscono la capacità di trattenere feci e urine e anche il buon funzionamento dei rapporti sessuali. Nelle donne il perineo ha doppia importanza perché sorregge l’utero durante la gravidanza e ha una funzione fondamentale durante l’espulsione del bambino al momento del parto. Ecco perché occorre tenerlo sempre allenato ed elastico.

Crema Antismagliature in Gravidanza: Ecco Perchè è Importante

Le smagliature sono delle vere e proprie “ferite” sottopelle che si verificano quando si ha un cedimento improvviso del tessuto sottostante. Le cause possono essere innumerevoli, sebbene le più comuni siano un improvviso aumento di peso o una diminuzione drastica della massa. Ci sono anche cause legate a sforzi fisici, alla crescita troppo rapida (ad esempio in adolescenza) o a cedimenti dovuti all’età. Subito dopo la loro comparsa sono rosse e si vedono sottopelle come ragnatele, poi schiariscono e diventano bianche opache o lucide. Sicuramente sono un inestetismo e sicuramente non si eliminano, si possono solo contenere oppure cercare di prevenire.

La fertilità maschile viene ostacolata dalla Soia: ecco i dati dello studio scientifico

La soia è un ingrediente naturale utilizzato come base della cultura vegana, ideale per il suo apporto di proteine e la sua mancanza totale di grassi. Un ingrediente salutare che, secondo uno studio scientifico, comprometterebbe la fertilità maschile provocando iposessualità.Nonostante questo legume sia da sempre considerato uno dei migliori, per nutrimento e per tenersi in linea, quest’ultima scoperta ha sconcertato i diretti interessati.

Soia e fertilità maschile: i dettagli

La soia è un ingrediente naturale che, da sempre, viene utilizzata nella cucina asiatica per i suoi grandi benefici e per l’inesistenza di grassi. Adottata poi in altre parti del mondo, soprattutto per chi segue l’alimentazione vegana, continuando la tradizione di questo ingrediente ricco di particolarità.

Fertilità Maschile e Frutta Secca: i risultati dello studio Scientifico Spagnolo

La fertilità maschile è stata analizzata attraverso uno studio scientifico effettuato in Spagna, determinando così che la stessa potrebbe variare con un consumo di frutta secca con guscio.La frutta secca ha un ottimo apporto nutrizionale con proprietà varie per l’interno organismo, per questo motivo i ricercatori hanno deciso di affrontare l’argomento fertilità maschile accostandolo all’assunzione di questi ingredienti.

La frutta secca influisce sulla fertilità maschile

La OSM ha valutato la fertilità maschile considerandola attraverso quattro aspetti differenti:

  • quantità degli spermatozoi che dovrebbero essere un minimo di 15 milioni per millilitro di seme;
  • vitalità che dovrebbe essere di un 58%;
  • motilità progressiva che dovrebbe essere al minimo di un 32%
  • morfologia e caratteristiche dello sperma stesso.

Ovodonazione: Cos’è e come Funziona, vantaggi e Criticità

L’atto della procreazione è un evento desiderato da molti ma concesso non a tutti. Nella vita di una coppia, ad un certo punto, la possibilità di essere genitori diventa una tappa fondamentale . Quando questa possibilità viene negata per una serie di motivi che possono essere biologici o psicologici, si innescano meccanismi pericolosi e dannosi per il benessere della coppia. Esistono tecniche alternative al concepimento originale ma non sempre le percentuali di successo sono confortanti ma sopratutto spesso determinano investimenti economici spropositati e sentimenti continui di speranza, ansia e angoscia che a lungo andare diventano deleteri. In ambito medico una delle tecniche più accreditate e con il maggior numero di successi è l’ovodonazione.

Che cos’è l’ovodonazione

L’ovodonazione è una tecnica di fecondazione assistita che consente di diventare genitori anche quando la donna è sterile o non fertile. In questa procedura l’ovocita viene donato da un membro esterno alla coppia. L’ovocita deve essere fecondato dallo sperma del maschio e in un secondo momento, gli embrioni generati, vengono impiantati nell’utero della donna.
L’ovodonazione viene scelta come opzione di fecondazione assistita qualora nella donna siano stati riscontrati gravi anomalie genetiche, scarsa capacità riproduttiva, riserva ovarica inferiore agli standard.